Tu sei qui

PROGETTO SCUOLA: “La rete idrica della mia città: il mio acquedotto dal gioco alla realtà” - ANNO SCOLASTICO 2019/20

 

L’EGATO6, nell'ambito della campagna 'BERE TRASPARENTE', promuove per l'anno scolastico 2019/2020 - con il contributo della Cooperativa E.R.I.C.A. - un nuovo percorso didattico dedicato alla sensibilizzazione sulle buone pratiche per la gestione dell’acqua.

“La rete idrica della mia città: il mio acquedotto dal gioco alla realtà” è rivolto alle classi quarte delle scuole primarie presenti nei Comuni del territorio di competenza dell’ATO6 stesso e ha lo scopo di favorire e incoraggiare la sensibilizzazione dei giovani alla conoscenza, tutela e valorizzazione del patrimonio idrico, impegnandosi in un lavoro di sinergia con Scuole, Territorio, Enti ed Istituzioni.

Il percorso didattico che proponiamo ha origine dal gioco in scatola Idrolandia’ e termina con il concorso per la classe.

Idrolandia’ è stato pensato e realizzato appositamente per l’occasione. I bambini giocando dovranno costruire la propria rete idrica: nel tentavo di creare la rete più efficiente, impareranno a conoscere i soggetti che si occupano dell’acqua e il loro ruolo, l’importanza delle analisi, dei controlli effettuati e della manutenzione della rete stessa.

Il gioco in scatola ‘Idrolandia’ verrà consegnato gratuitamente ad ogni alunno delle classi ammesse al progetto e sarà l’occasione per intraprendere un nuovo percorso di apprendimento che porterà alla produzione di un elaborato con cui la classe parteciperà al concorso: ‘partendo dall’esperienza di gioco, attraverso una riflessione ed un lavoro di gruppo, si chiede di approfondire la conoscenza della propria rete idrica e del sistema acquedottistico così come è nella realtà’ (per i dettagli si rimanda al bando allegato).

Le classi ammesse a concorso avranno inoltre la facoltà di partecipare ad un laboratorio didattico specifico, della durata di due ore. Durante il laboratorio, dopo un’introduzione al tema del gioco, un educatore della Cooperativa E.R.I.C.A. allestirà in ogni classe 4-5 tavoli (per un massimo di 5 giocatori a tavolo), spiegherà il regolamento del gioco da tavolo e ne seguirà lo svolgimento.

Confidiamo nella condivisione di obiettivi comuni e nell’attiva partecipazione dei giovani alunni, stimolati e guidati dagli insegnanti nel percorso di conoscenza proposto e nell’approfondimento dell’universo Acqua.

BANDO DI CONCORSO